logo (English version coming soon...)
   
    Dopo anni di gestazione, finalmente siamo riusciti ad organizzare un raduno dei problemisti italiani. Approfittando del ponte di Sant'Ambrogio e della disponibilità della Società Scacchistica Milanese ci siamo ritrovati per tre giorni dal 6 all'8 dicembre. Non tutti sono rimasti per i tre giorni, in totale siamo stati in 17, potevamo essere di più, ma come primo tentativo non è male; l'anno prossimo naturalmente puntiamo a superare i venticinque! Un ringraziamento particolare va naturalmente agli amici che sono venuti dall'estero: Michel Caillaud da Parigi, Michal Dragoun da Praga, Hans-Peter Rehm e Hans Gruber dalla Baviera... per non parlare di Vito Rallo che venendo dall'Italia ha dovuto percorrere la distanza maggiore!
    Il programma era abbastanza flessibile, i punti salienti erano la gara di composizione, il Campionato Italiano di soluzione veloce e le mini conferenze.
    Purtroppo (per noi!, ma non certo per la Scacchistica!) il concomitante torneo Crespi ha avuto molti più partecipanti del previsto, per cui la stanza che doveva esserci riservata si è ridotta alla sala analisi che si riempiva "a ondate" di giocatori mano a mano che terminavano le partite. Per le attività più importanti, però, abbiamo avuto a disposizione l'ottimo ambiente della sala del torneo magistrale, con poltroncine e scacchiere in legno!
    Sabato sera il torneo di composizione è stato preceduto da un'abbondante cena da Mamma Lina; nonostante ciò (o forse proprio per quello) il giudice è stato molto soddisfatto dei lavori presentati.
    Domenica mattina il Campionato Italiano di Soluzione, vinto allo sprint da Michal Dragoun su Michel Caillaud. All'inizio della gara abbiamo convinto Parrinello a partecipare... e ovviamente è stato il primo degli italiani con un ottimo 97,5/100 ed è quindi il nuovo Campione Italiano e moralmente obbligato a partecipare al prossimo WCSC!
    Domenica pomeriggio abbiamo organizzato un giretto per Milano con ascensione (a piedi...) sul tetto del Duomo. Peccato che il freddo polare della giornata abbia impedito l'accesso al tetto vero e proprio (pericoloso per via del ghiaccio), ma la vista era notevole.
    Domenica sera due miniconferenze di Dragoun (switchback negli aiutomatti) e di Caillaud (le due facce dello specchio su problemi con lo stesso tema nel gioco avanti e nella retroanalisi.
   Lunedì mattina premiazione del torneo di composizione e poi gli ultimi rimasti si sono messi a comporre insieme un aiutomatto con switchback, inchiodature e schiodature. Vedremo che cosa uscirà fuori!
    La Scacchistica Milanese si trova all'interno di un complesso dedicato a tutti i giochi della mente, inclusi il Go, la Dama, il Bridge e strani giochi di ruolo in cui i giocatori si vestono come i personaggi che rappresentano. Poteva quindi capitare di vedere apparire nella nebbia milanese sinistre figure incappucciate che potevano provocare spaventi anche a qualche noto Maestro Internazionale italiano...
    Trovate i resoconti dei tornei nelle pagine apposite, i tre giorni sono stati pieni e come sempre sono finiti troppo presto! Un ringraziamento naturalmente alla Società Scacchistica Milanese, e soprattutto un grazie di cuore a Claudio Noé che, benché dovesse gestire quasi duecento giocatori, ha trovato il tempo per darmi retta e risolvere i problemi che ci si presentavano. Grazie!!
    L'appuntamento naturalmente per l'anno prossimo, stessa data e stesso posto!
    Partecipanti
  • Attilio Andreazza
  • Stefano Bellini
  • Marco Bonavoglia
  • Michel Caillaud
  • Roberto Cassano (e moglie)
  • Alessandro Cuppini
  • Michal Dragoun
  • Stefano Galletti
  • Hans Gruber
  • Marco Guida
  • Enzo Minerva
  • Filippo Minieri (e moglie)
  • Costantinos Paizis
  • Mario Parrinello
  • Vito Rallo
  • Hans-Peter Rehm
  • Francesco Simoni
Valid HTML 4.01 Transitional