home page Eteroscacco!
  SCACCHI ALICE
SCACCHI ALICE
  F. Forzoni (tratto principalmente da pubblicazioni A.I.S.E.)
nav_eterodosso Varianti a cadenza progressiva Varianti a cadenza normale problemi Eterodossi Varianti a cadenza multipla News eterodossia scacchistica Varietà scacchistiche!
pagina principale!

Cenni storici:

Il gioco è stato inventato dall'inglese V. R. Parton nel 1953. Il nome è ispirato all'eroina del famoso romanzo di Lewis Carrol Attraverso lo specchio.
Gli scacchi Alice si giocano con un solo set di pezzi su due scacchiere, A e B. All'inizio della partita tutti i pezzi sono disposti sulla scacchiera A, come negli scacchi ortodossi, ma ogni volta che un pezzo muove cambia di scacchiera (grazie al viaggio Attraverso lo Specchio). Si effettua cioè una mossa regolare e legale sulla scacchiera in cui il pezzo si trova, ma appena completato il movimento il pezzo viene trasferito sull'altra scacchiera; una mossa è quindi impossibile se sull'altra scacchiera la casa in cui il pezzo si deve recare è occupata. Tra le caratteristiche tipiche si segnalano principalmente: - uno scacco non può essere parato da un pezzo che si trovi sulla stessa scacchiera del Re; - un pezzo non può essere difeso da un pezzo che si trovi sulla stessa scacchiera, infatti il pezzo che effettua la cattura finisce sull'altra scacchiera.
Per esempio: 1.e4 d5 2.Ae2 d:e4 3.Ab5 scacco matto.
L'Alfiere è riapparso sulla prima scacchiera. Il Re Nero non può muoversi e ogni pezzo che cerca di interporsi sparisce subito sulla seconda scacchiera.
Nell'A.I.S.E. questa variante viene praticata dal 1993.

REGOLAMENTO

1. Tutte le regole degli scacchi FIDE restano valide, tranne per quanto di seguito specificato.
2. Il gioco si svolge su due scacchiere. Sulla prima, detta scacchiera A, vi é lo schieramento consueto dei pezzi; la seconda (B) é inizialmente vuota.
3. A ogni turno di gioco, il pezzo mosso cambia scacchiera. Dopo aver completato una mossa legale sulla scacchiera in cui si trova, il pezzo scompare e riappare sull'altra scacchiera (es.: dopo 1. e4, il Pe4 scompare dalla scacchiera A e riappare nella stessa casa sulla scacchiera B; 1... Cf6, idem per il Cf6).
4. Un pezzo non può essere mosso in una casa occupata sull'altra scacchiera da un altro pezzo, amico o nemico. A parte questo, i pezzi che si trovano su una scacchiera non hanno alcun effetto sull'altra.
5. La cattura é possibile solo sulla stessa scacchiera, prima del trasferimento (proseguendo l'esempio precedente, 2. d3 non é utile a difendere il Pe4; infatti dopo 2... C:e4, il Ce4 torna sulla scacchiera A, dove non puç essere catturato dal Pd3, che si trova sulla scacchiera B).
6. Il Re può subire scacco e scacco matto solo da pezzi che si trovino sulla stessa scacchiera.
Tuttavia, una mossa di Re, compreso l'arrocco, dev'essere legale su entrambe le scacchiere.

NOTAZIONE.
Dopo la mossa si indica, separata da una barra, la scacchiera dove riappare il pezzo (es.: 1. e4/B c6/B 2. Cf3/B d5/B 3. e:d5/A c:d5/A ecc.). DIAGRAMMI.
Poiché una casa non può essere occupata contemporaneamente su entrambe le scacchiere, é possibile illustrare le posizioni su un solo diagramma, riportando capovolti i pezzi della scacchiera B.

PARTITE ESPLICATIVE

Castelli-Jelliss (GP95) 1-0
[Commenti di A. Castelli]
1.e4/B d6/B
2.Ac4/B D:d2/B
3.Ab5/A#
Una miniatura che illustra efficacemente un matto tipico degli scacchi Alice.
Castelli-Pugnali
[Commenti di A. Castelli]
1.e4/B e5/B
2.Dh5/B g6/B
3.D:e5/A#
E' matto perché il Re non ha mosse legali sulla scacchiera A e qualsiasi pezzo che tentasse di parare lo scacco finirebbe sulla scacchiera B.
Veronesi - Vecchi (GP93) 1 - 0
[Commenti di F. Forzoni]
Gli scacchi Alice sono un gioco stranamente poco giocato nell'AISE.Vediamo qui una gustosa miniatura di Carlo Alberto Veronesi , il master del gioco:
1.d2d4/B, Cb8c6/B
2.e2e4/B, a7a5/B
Le spinte dei pedoni a e h sono un semplice modo di sviluppare le Torri.Un altro veloce sistema di sviluppo è quello di muoverle al posto del Cavallo vicino.
3.Af1c4/B, d7d6/B ??
4.Ac4b5/A #
Un tipico matto-alice: il Re non ha case di fuga ed Alfiere, Donna e Pedone non parano lo scacco perché si spostano sull'altra scacchiera.
La bibliografia più esauriente sugli scacchi Alice la potrete trovare sull'articolo di A. Castelli pubblicato su ETEROSCACCO n.59 a pag.1.
Altri articolo su ES62 pag.13, ES79/80 pag.16 e ES83 p.14.




webmaster torna ad inizio articolo